STROZZAPRETI

Strozzapreti

CONTATTI
Gli strozzapreti sono un tipo di pasta caratteristico del centro Italia e dell'Emilia Romagna, a forma grossi cannelli lunghi un pollice e perciò non sempre agevoli da consumare (da qui il nome).
Da Pica li prepariamo con acqua e farina, senza l’aggiunta di uovo (quindi adatti anche ai nostri clienti vegani).

Una delle caratteristiche degli strozzapreti è il breve tempo ci cottura: quando salgono a galla bastano un paio di minuti.

Per servirli al meglio (qualunque sia il condimento scelto) è buona norma aggiungere 1 o 2 mestolini di acqua di cottura al piatto (tendono ad "asciugarsi" molto velocemente).

Noi amiamo condirli con ragù particolarmente sostanziosi, per compensare la semplicità della pasta in sé.
Ma gli strozzapreti si sposano benissimo sia con sughi di terra che con sughi di mare per la loro caratteristica a forma di spirale che raccoglie bene ogni tipo di condimento, provateli con un bel sugo di cinghiale con guanciale ed asparagi oppure gamberi e gorgonzola o ancora al sugo di canocchie.

Strozzapreti al sugo di canocchie

Per preparare gli strozzapreti al sugo di canocchie innanzitutto vanno sciacquate bene le canocchie (conservando le più grosse ed estraendo la polpa dalle altre).
Tritate poi lo scalogno e fatelo imbiondire in una padella con dell'olio e del peperoncino a fuoco medio.

Mettete poi tutte le canocchie, sia la polpa che quelle intere, nella padella con lo scalogno imbiondito e sfumate con vino bianco fino a evaporazione del vino. A questo punto unite la passata di pomodoro e mescolate con delicatezza.
Fate addensare il sugo facendo attenzione a non rompere le canocchie intere e ricordatevi di salare e aggiungete qualche foglia di basilico.

Fate cuocere gli strozzapreti in acqua salata, scolateli e fateli saltare nel sugo di canocchie qualche istante prima di servirle.
Consiglio: servite gli strozzapreti guarnendo ogni piatto con una canocchia intera e qualche foglia di basilico.
Al sugo di canocchie, al ragù o alle verdure: prova i nostri strozzapreti!
Share by: